Aborto per raschiamento

Aborto per raschiamento

Procedimento e informazioni sull'aborto

  • Un curettage o raschiamento è una procedura chirurgica che utilizza un raschietto smussato per raschiare l'utero.
  • Il raschiamento viene usato come metodo chirurgico per interrompere la gravidanza, ma ha anche altri usi medici.
  • Ci sono alcuni rischi fisici associati
  • al raschiamento - per esempio, l’infezione.

Qui troverai le informazioni più importanti su cos'è un curettage, come funziona e come potrebbe evolversi la questione per te.

    Il nostro consiglio:

     

    Cos'è un raschiamento?

    Nel ciclo naturale di ogni donna, c'è una fase in cui si forma il rivestimento dell’utero, chiamata anche mucosa uterina. Nel caso in cui la gravidanza non subentri in quel ciclo, il rivestimento uterino o mucosa uterina viene espulsa poi con le mestruazioni.

    In un curettage, il rivestimento dell'utero viene raschiato artificialmente, cioè per mezzo di un'operazione. Per tale operazione viene usato un utensile smussato per raschiamento (curette).

     

    Diversi campi di applicazione di un raschiamento

    Un curettage è una delle procedure ginecologiche più comuni e può essere eseguito per vari motivi diagnostici e terapeutici.

     

    Il curettage come metodo di interruzione della gravidanza

    Tra le altre applicazioni, il curettage è usato anche per gli aborti. Esso può essere impiegato tra la 7° e la 12° settimana di gravidanza.

    Oggi, tuttavia, il curettage è usato relativamente poco come metodo di aborto. Molti medici non eseguono più un aborto con un curettage, dato che questo metodo richiede più tempo ed è più probabile che porti a complicazioni rispetto all'ormai più comune metodo di aspirazione. Secondo il Ministero Nazionale della salute l’10,9% degli aborti in Italia sono stati eseguiti nel 2019 tramite curettage.

    Tuttavia, a volte un curettage è necessario anche dopo un aborto farmacologico o un'aspirazione. Questo perché a volte succede che del tessuto rimane nell'utero . Per prevenire quindi l'infezione, può essere necessario eseguire anche un curettage.

     

    Motivi diagnostici

    Un curettage è utilizzato più frequentemente per la chiarificazione diagnostica di disturbi di emorragici (ad esempio, sanguinamento mestruale molto pesante, lungo, doloroso o irregolare). In questa procedura, la membrana mucosa viene raschiata dall'utero. Le possibili cause dei disturbi di sanguinamento possono essere fibromi o polipi, che sono entrambe crescite benigne nell'utero.

    Inoltre, se un'ecografia dell'utero rivela risultati anomali, così come il  pap test durante un esame di screening, un curettage viene spesso eseguito per chiarire possibili malattie maligne dell'utero.

     

    Ragioni terapeutiche

    Un curettage è anche usato occasionalmente come metodo terapeutico. Per esempio, se le mestruazioni sono troppo pesanti o prolungate e in caso di rinnovato sanguinamento durante e dopo la menopausa.

     

    Dopo un parto (aborto spontaneo)

    Un curettage può anche essere necessario dopo un aborto spontaneo. In questo caso, anche i resti dell'embrione e della placenta nell'utero vengono rimossi anche tramite un curettage. Altrimenti, potrebbero verificarsi infiammazioni e aderenze.

    A volte un curettage può essere necessario anche dopo un parto sano e naturale : Se parti della placenta non si staccano completamente e rimangono nell'utero, si può sviluppare la febbre puerperale. Un curettage deve quindi essere effettuato rapidamente, perché altrimenti l'utero non può regredire e contrarsi correttamente.

     

    Procedura dell'operazione

    Il curettage per un aborto è di solito eseguito su base ambulatoriale e sotto anestesia generale. La procedura in sé richiede circa dieci minuti.

     

    Procedura dell'operazione

    • Il medico inserisce prima un cosiddetto speculum nella vagina. Questo consiste in due lame che formano un'apertura a forma di imbuto. Allargando le due valve, la vagina può essere aperta e la cervice (collo dell'utero) diventa visibile.
    • La cervice viene allungata con l'aiuto di perni speciali (perni di Hegar) per entrare nella cavità uterina.
    • L'embrione e la placenta vengono poi rimossi dalla parete uterina con un curette smussato (strumento simile a un cucchiaio) e raschiati via.

     

    Dopo l'operazione

    Dopo l'operazione, il medico eseguirà un'ecografia per controllare se l'embrione e la placenta sono stati completamente rimossi.

     

    Misure dopo un aborto mediante raschiamento

    Dopo l'operazione, la ferita può continuare a sanguinare leggermente per alcuni giorni. Questo sanguinamento a volte diventa un po' più pesante dopo circa tre o cinque giorni, simile al sanguinamento mestruale. Contemporaneamente, alcune donne sperimentano un leggero e crampiforme dolore (paragonabile anche ai crampi mestruali). Le secrezioni vaginali possono continuare ad essere sanguinolente per circa 14 giorni fino al prossimo periodo mestruale.

    In un ciclo sano, a prossima mestruazione avviene circa 4-8 settimane dopo il curettage. Tuttavia, una gravidanza è possibile prima di questo periodo, anche se è consigliabile aspettare tre mesi prima di considerare una nuova gravidanza.

    Poiché la cervice è ancora leggermente aperta a causa della dilatazione e i germi possono quindi entrare nell'utero e causare infezioni, una donna dovrebbe evitare quanto segue per circa tre settimane dopo la procedura:

    • Rapporto sessuale
    • Tamponi
    • Bagno/nuoto
    • Visite alla sauna

     

    Possibili rischi

    In rari casi, un curettage può comportare i seguenti rischi fisici. In ogni caso, il medico informerà la donna sulle possibili conseguenze e sui rischi della procedura in modo esauriente.

    ℹ️ Puoi trovare tutte le informazioni qui: Conseguenze fisiche e rischi dell'aborto.

    Oltre ai rischi fisici  piuttosto rari di un aborto, è anche consigliabile intuire con sensibilità se questo percorso è effettivamente quello giusto per la donna. Nella nostra consulenza, spesso vediamo donne che dopo lottano con la loro decisione di aver abortito. Se ti chiedi come abbiano vissuto altre donne un aborto puoi leggere di più su questo tema in Possibili conseguenze psichiche/fisiche di un aborto.

     

    Come può proseguire per te la situazione?

    Forse anche tu puoi esserti trovata in una situazione difficile a causa di una gravidanza, tanto che stai pensando a un aborto e stai considerando i possibili metodi. Probabilmente hai un sacco di domande che ti passano per la testa.

    Oltre ai pensieri sui metodi di aborto, probabilmente hai altri sentimenti e preoccupazioni. Forse non sai cosa fare dopo e non sei sicura quale decisione sarebbe meglio prendere per te.

    Non devi sentirti sola in questa lotta interiore. Se vuoi semplicemente parlare con una persona esperta dall'esterno, se cerchi un consiglio o un orecchio aperto, non esitare a  cercare qualcuno, che ti ispira fiducia e che forse ti ha già aiutata in una situazione difficile! Prenditi tutto il tempo necessario!  Noi ti accompagniamo in questo momento difficile, se è quello che desideri, con le nostre informazioni ed i nostri test, che ti schiariranno le idee e ti apriranno nuovi orizzonti.


    Anche interessante:

     

    Fonte:

    Questo articolo ti è stato d’aiuto?