Incinta e sola? Incinta e (forse) ragazza madre

Incinta e (forse) madre single

1149892394 | Evgeny Atamanenko | shutterstock.com

Ragazza madre o mamma single - scenario da orrore o opzione immaginabile?

  • Sei incinta e sola, la relazione sta andando in frantumi oppure il compagno non vuole il bambino: Come può andare avanti la mia vita?
  • Molte donne che rimangono incinte inaspettatamente senza partner o che hanno paura di diventare ragazza madre, si chiedono se in futuro saranno una mamma single o se riusciranno a gestire la loro vita.
  • Incinta ragazza madre – trovare il proprio percorso: come posso gestire la situazione? Cosa potrebbe aiutarmi già ora e anche dopo il parto? Come posso gustare lo stesso la gravidanza? In questo articolo troverai suggerimenti ed esperienze!

Paura di essere una ragazza madre

Molte donne hanno una certa immagine in mente quando pensano alla situazione di diventare madre o di avere più figli. Capita non di rado che esista un grande desiderio: quello di costruire prima una relazione duratura e poi crescere i figli insieme.

Tuttavia, spesso le cose vanno in modo diverso e il proprio sogno rischia all'improvviso di andare in fumo: la gravidanza arriva a sorpresa e la relazione è ancora molto fresca o è appena terminata, si è trattato di un'avventura di una notte e non è affatto chiaro se il padre del bambino si assumerà la responsabilità. A volte anche il proprio partner reagisce alla gravidanza esprimendosi con molta cautela o inizialmente con disapprovazione. Le situazioni possono essere molto diverse, ma scatenano pensieri come questi: "Non è così che me lo immaginavo", "E se mi ritrovo da sola con il bambino?", "Come posso gestire questa situazione?".

È quindi comprensibile che inizialmente in gravidanza molte donne siano spaventate e molto preoccupate di essere un genitore single. Se anche tu ti senti così, si tratta di una reazione del tutto normale e comprensibile, perché un compito sconosciuto all'inizio di solito spaventa. Soprattutto quando si teme di essere sole.

Allo stesso tempo, questa paura mostra anche che desideri il meglio per il tuo bambino. Può essere anche una tenera espressione d'amore per questo bambino che si è annunciato in modo del tutto inaspettato.

Potresti anche scoprire forze completamente nuove in te stessa o addirittura un nuovo senso della vita e il coraggio di affrontarla. In tutta questa confusione di sentimenti, la vita ti pone molto concretamente la seguente domanda: "Il sogno originale può anche realizzarsi in modo diverso da come lo hai progettato?”

Comportamento con il padre del bambino

Forse ti stai chiedendo come tu e il padre del bambino possiate esserci per questo bambino e prendervi insieme cura di lui anche se non siete più una coppia o se il padre del bambino finora non è stato in grado di accettare l'idea di diventare padre o addirittura si è espresso contro la gravidanza.

Molte future mamme si preoccupano di costruire il maggior numero possibile di ponti facilmente accessibili per il padre del bambino, in modo che possa entrare a far parte della loro vita, all'interno di un contesto per lui accettabile e fattibile. Attraverso questa decisione hai la possibilità di non essere più passiva di fronte al tuo destino. Piuttosto, stai affrontando attivamente la situazione. Allo stesso tempo gli dai la libertà di cui potrebbe aver bisogno in questo momento per trovare la sua strada senza fargli pressioni. Nel migliore dei casi questo lo conduce direttamente a te e al tuo bambino.

  • 🧔🏻‍♂️ Incinta - lui non vuole il bambino – fai l’autotest e leggi il motivo per il quale molti uomini reagiscono così e come puoi affrontare la cosa!
  • 📖 Incinta in una relazione complicata – vai all’articolo.
  • 💕 Sostegni per te nel caso ti sentissi in pericolo – case di accoglienza.

Incinta ragazza madre – come può andare avanti la vita?

Anche una gravidanza non pianificata senza un partner può essere un'esperienza meravigliosa, anche se all'inizio sembra del tutto irrealistica. Probabilmente sei ancora nel bel mezzo di un processo di elaborazione o di lutto ed è ancora difficile accettare la situazione così com'è al momento. Pertanto, la cura di sé è la cosa più importante, in modo che tu possa gradualmente riconoscere sempre di più come potrebbe essere il tuo percorso. Abbiamo raccolto qui in dettaglio cosa è importante per questo e come si può fare:

💆🏻‍♀️ Cura di sé

Essere lasciata sola in gravidanza o separarsi dal padre del proprio bambino può essere dal punto di vista emotivo molto stressante. Per prenderti cura del tuo proprio benessere e di quello del bambino, è possibile, ad esempio, ridurre lo stress e assumere un maggiore controllo della propria vita quotidiana. A tal fine, potrebbe essere necessario ogni tanto cancellare appuntamenti o impegni. Anche interrompere i contatti con le persone con cui non ti senti a tuo agio o che ti mettono sotto pressione può essere un passo ragionevole. Allo stesso tempo, può farti bene fare di più le cose che ti hanno sempre aiutato nelle situazioni difficili, per calmarti e ricaricare le batterie. Forse ti piace essere creativa, stare nella natura o di tanto in tanto prendere un caffè in città... Cosa potrebbe farti bene ed essere un balsamo per la tua anima?

A proposito: durante la gravidanza, molte donne tendono a preoccuparsi molto di più, questo può essere causato anche solo dagli ormoni. Allora può essere utile parlare delle proprie preoccupazioni e affrontarle in modo proattivo. Cerca una cara amica o una persona di cui hai piena fiducia.

👥 Una rete sociale – non stare sola

Essere incinta senza un compagno non significa per forza essere sola o sentirsi sola nella quotidianità, ma può essere completata e riempita con persone affettuose. Forse hai già in mente alcune persone – una con cui dialogare e scambiarsi, con cui aiutarsi vicendevolmente o una che può consolarti? Spesso le gravide sono sorprese dall’aiuto che gli viene offerto dalla cerchia di amici e conoscenti.

Ecco alcune idee per vivere al meglio il tempo della gravidanza con persone affettuose al vostro fianco:

  • Organizzare una festa di costruzione di mobili per bambini con gli amici.
  • un divertente servizio fotografico del pancione in crescita con la futura nonna
  • ripulire l'appartamento con la vostra migliore amica nell'ambito di un weekend tra ragazze
  • andare alle visite di controllo con qualcuno della famiglia
  • Farsi accompagnare da sorella/zia/madre/nonna a comprare i vestiti per il bambino
  • …

Anche come mamma puoi programmare del tempo con altri adulti tanto quanto ne hai la necessità! I gruppi per bambini, le riunioni delle mamme, i caffè per genitori o le app di quartiere possono essere molto utili per entrare in contatto con altre mamme o persone del quartiere. A volte anche le persone anziane della zona sono alla ricerca di un contatto e sono felici di accompagnare la crescita di un bambino, per cui potreste cercare delle nonne, ad esempio delle vicine di casa che hanno i nipoti che abitano lontano.

Anche più avanti puoi avere appuntamenti con amici ☕️ oppure romantici 🥂.

Molte mamme sono sollevate da un pensiero: sapere che non sono le uniche in questa situazione. Ecco perché, per esempio, ci sono alcuni blog dove le ragazze madri parlano della loro vita. Questi siti offrono uno spazio per guardare la vita quotidiana a volte caotica con un sorriso, per scambiare idee e per incoraggiarsi a vicenda. Per esempio Genitori single oppure OneParent.

Molte donne trovano col passare del tempo un compagno per la vita. Non perderti d'animo! Puoi incontrare in qualsiasi momento un compagno formidabile con cui condividere la sorte della tua piccola famiglia.

🤰🏻 Incinta senza compagno – Una buona organizzazione

All’inizio della gravidanza non è possibile avere tutto sotto controllo. Per fortuna ci sono alcuni mesi per organizzarsi passo dopo passo.

  • Di solito, nei primi anni con un bambino piccolo - anche in un appartamento piccolo - non è necessario trasferirsi perché il bambino non ha ancora bisogno di una stanza tutta per sé. E anche dopo, è possibile pensare a come ottimizzare lo spazio disponibile. Idee pratiche sono, ad esempio, sistemi di organizzazione delle pareti, divani letto, soppalchi, letti a soppalco o muri in cartongesso.

    Se la famiglia d'origine vive più lontano, alcune donne decidono di tornare a casa. Per altre, un appartamento condiviso con un'altra madre, ad esempio, può essere un'ottima soluzione per condividere la vita quotidiana. Nel caso tu non avessi ancora un appartamento tuo, potresti fare una richiesta di alloggio popolare presso il comune.

    Una volta chiarita la situazione dell’alloggio, l'appartamento potrà essere progettato secondo i tuoi gusti e reso sicuro per il bambino 🧸.

  • Per la donna incinta, le opzioni di sostegno finanziario sono molteplici. Innanzitutto, è opportuno avere una panoramica di tutte le entrate e le uscite previste per i prossimi due anni. Le spese riguardano soprattutto gli acquisti necessari e il costo della vita con un bambino.

    Il reddito può variare in base alla propria situazione di vita, ad esempio se si percepisce uno stipendio o un sussidio sociale. È inoltre possibile calcolare in anticipo l’indennità di maternità, parentali e l’Assegno Unico Universale. Se avete la possibilità di lavorare da casa, potete pensare di guadagnare un extra a ore durante il vostro congedo parentale.

    Può essere rassicurante pianificare in dettaglio i costi previsti per ogni mese. Poi si può pensare concretamente a quale budget si vuole fissare per quale ambito. Le App per gestione spese personali, familiari o un libro di bilancio possono aiutarti a tenere una visione generale. È importante tenere presente che nei primi anni il bambino non ha bisogno di grandi regali o di cose particolarmente care o di marca; noterà soprattutto i tuoi sguardi amorevoli e le tue attenzioni.

    Possono aiutare a risparmiare anche le offerte nei supermercati, i mercatini dell’usato come anche ebay o le offerte risparmio nel web. Comprando le offerte di prodotti dell’igiene o alimentari potrai risparmiare così come per i pannolini su amazon o altri siti. 😊

  • In generale il padre del bambino ha dei doveri-poteri (di mantenere, istruire e educare). L’aspetto positivo è che durante la gravidanza puoi già pensare e regolare in tranquillità come potresti organizzare il tuo futuro e quello del tuo bambino. Potete trovare insieme come genitori alcune soluzioni e opzioni per vostro figlio.

    Dal punto di vista legale al centro è sempre il benessere e l’interesse del bambino e che tu e il tuo bambino siate ben assistiti e curati.

    Siete voi genitori a decidere come organizzare gli orari di visita. Anche nel caso in cui siate separati, sarebbe positivo se il padre del bambino sia presente al parto o almeno che possa vedere il bambino subito dopo la nascita. Sarebbe bene che tu comunicassi apertamente i tuoi desideri per questo momento speciale. A seconda di quanto sia emotivamente stressante per voi, puoi anche stabilire liberamente i limiti di cui senti la necessità.

    Nel caso in cui durante la gravidanza fosse prevedibile che ci saranno delle difficoltà nell'ambito del mantenimento o dell'affidamento, un colloquio di consulenza precoce o il supporto dell’assistente sociale e, se necessario, di un avvocato specializzato in diritto di famiglia è un investimento sensato. Inoltre, si può prendere in considerazione di stipulare anticipatamente una polizza di tutela legale. Alcune donne decidono anche di creare una maggiore distanza fisica dal padre del bambino.

    👍🏼 Informazioni dettagliate:

  • Pianificare il periodo successivo al parto può essere di grande aiuto perché no

    nostante le forze esistenti esistono momenti nella vita di ogni persona nei quali fa bene ricevere un supporto.

    L'importante è pensarci in anticipo: chi potrebbe essere un contatto d’emergenza per accudire il bambino nel caso in cui io stessa fossi malata o abbia bisogno di una pausa? Tra gli amici chi sarebbe felice di diventare padrino/madrina? A quali orari potrebbe venire una babysitter (pagata) per poter andare ad un appuntamento senza bambino? I familiari sarebbero disposti a venire regolarmente (ad esempio 2 volte al mese) per tenere il bambino alcune ore? Qualcuno potrebbe venire a fare la spesa?

    Soprattutto nelle prime settimane dopo il parto, può essere utile avere un sostegno regolare (casa, spesa, cucina, cura dei fratelli). Anche questo può essere organizzato in anticipo con gli amici. Si può anche ricorrere a un aiuto domestico per le prime settimane, magari te lo regalano i parenti tutti insieme che abita lontano e non possono venire personalmente ad aiutarti.

  • La vita con un bambino è un po' un pacchetto a sorpresa. Ad alcuni aspetti puoi comunque pensare i in anticipo.

    • Per quanto tempo vuoi prendere il congedo parentale?
    • In quale asilo o nido sarebbe opportuno mettersi già in lista d'attesa?
    • Quali routine sono ancora importanti per te (ad esempio, sport, momenti di tranquillità...)? Quali tradizioni quotidiane potrebbero essere utili per la tua famiglia (ad esempio leggere un libro la sera, mangiare insieme, fare un pisolino pomeridiano)?
    • Quali agevolazioni sarebbero utili nella vita di tutti i giorni (ad esempio, il servizio di consegna della spesa a domicilio)?
    • Quali limiti e regole sarebbero importanti per te come genitore? Quali valori vorreste trasmettere a tuo figlio?

    L'ispirazione su come la vita familiare possa essere strutturata in modo splendido in tutti i suoi alti e bassi la trovi nei blog di mamme, nei libri (di educazione) e nel proprio ambiente da altri genitori. Lasciati ispirare! Altrettanto importante quando ci si confronta con gli altri è la seguente consapevolezza: Tu sola sei la madre di tuo figlio e possiedi la libertà e la capacità di vivere in modo unico la tua maternità! ❤️

Shutterstock 2169827665

Esperienze di ragazze madri

Cosa raccontano realmente le madri single della loro vita? Per riassumere: Dicono che non è sempre facile e a volte anche molto duro. Ma spesso è così indescrivibilmente bello che non scambierebbero questa vita e questo bambino con nient'altro al mondo.

Le ragazze madri sicure di sé amano anche sottolineare che essere un genitore single non ha solo svantaggi. Abbiamo raccolto alcuni dei loro argomenti qui per te.

💯 100 per cento amore

Essere una ragazza madre significa esserci per i propri figli 24 ore su 24, 7 giorni su 7. E significa anche essere la principale responsabile dei suoi figli. Si ottiene il 100% del loro amore. Di questa felicità, la mamma è la sola responsabile.

Molte mamme riferiscono che sperimentano una cosa sola quando un piccolo si accoccola a loro con molta gioia: lo sforzo è valso al 100%.

👩‍👧 Un team

In una costellazione familiare con una madre single, tutti devono collaborare. Più i bambini diventano grandi, più sono in grado di dare il loro contributo. Nel tempo precedente, però, hanno già notato che loro e la loro mamma formano una buona squadra. Una grande percentuale di famiglie monogenitoriali riferisce di avere un rapporto particolarmente stretto con il proprio figlio.

💪🏻 Sviluppo di „soft skills“ (competenze personali)

Ogni giorno porta nuove sfide - spesso completamente inaspettate. Tuttavia, molte ragazze madri riescono a fare una cosa nel tempo: organizzare la loro routine quotidiana in modo che una "piccola sorpresa“, o un piccolo imprevisto, non le portino subito fuori strada. Organizzazione e improvvisazione sono le parole chiave.

Questi cosiddetti "soft skills" possono poi essere utilizzati non solo nel relazionarsi con i figli ma si dimostrano utili anche in altre settori della vita.

In questa situazione difficile, sarà fondamentale che tu riesca a trovare la tua strada. Hai punti di forza e capacità uniche e sei quindi ben equipaggiata. Ora sta a te scoprire come trarre il meglio da questa situazione.

"Non so se posso e voglio farcela".

Forse hai letto fin qui, ma senti ancora insicurezza, dubbio o resistenza. Perché non sai se sei all'altezza di questa sfida - o se vuoi farlo.

Desideriamo incoraggiarti a darti tempo per scoprire cosa ti può essere d’aiuto e come puoi trovare il tuo proprio percorso che è in armonia con le tue convinzioni. Di solito al primo momento e rapidamente affiorano molti pensieri soprattutto sulla gravità e la sfida della situazione. Mentre nel silenzio e in modo lento si fa sentire la voce del cuore: che cosa vuoi veramente? Di cosa sarai orgogliosa nel futuro? Quali sono i tuoi punti di forza anche se al momento non li vedi? Qual è il tuo desiderio e cosa potrebbe aiutarti a fidarti del tuo desiderio e della tua interiorità?

Potresti anche confidarti con una buona amica o una persona all’esterno che può aiutarti ad ordinare e valutare i tuoi pensieri e sentimenti.

Sei di fronte alla domanda: dovrei abortire o no? E desideri ricevere degli impulsi, suggerimenti per la tua decisione e anche esperienze di altre donne? Se lo desideri, puoi iscriverti al nostro programma di supporto per decidere via mail che dura 7 giorni consecutivi:

Usufruisci dei nostri autotest:

Anche questi temi potrebbero interessarti:

Questo articolo ti è stato d’aiuto?