Quello che raccontano le donne: Esperienze con la pillola abortiva

Esperienze con la pillola abortiva

517236514 | Victor Moussa | shutterstock.com

Come stanno le donne dopo aver assunto la pillola abortiva Mifepristone?

  • Le esperienze con la pillola abortiva Mifegyne® sono molto individuali e differenti sia a livello fisico che psichico.
  • Mentre alcune donne raccontano che dopo l’assunzione della pillola abortiva (Ru486) hanno avuto perdite di sangue e dolori. Altre invece hanno disturbi ed effetti collaterali più forti così da necessitare un supporto medico.
  • Più volte raccontano le donne della loro difficoltà ad affrontare da sole il tempo del procedimento dell’aborto farmacologico e a elaborare in seguito questa esperienza. A posteriori alcune donne si trovano in difficoltà con la decisione presa allora e se ne pentono.
  • ⚖️ Aborto: sì o no? - al test per l'aborto
  • 🏥 Autotest: Metodi abortivi: cosa devo considerare?

Sei incinta e non sai cosa fare? Alcune ragioni sono a favore dell’aborto e ti chiedi se un aborto farmacologico (IVG) sarebbe il percorso da prendere? Se desideri sapere quale esperienza hanno fatto altre donne a riguardo, allora puoi leggere qui sotto come si sono sentite le donne che hanno assunto la Pillola Abortiva Mifegyne®. Abbiamo riassunto per te alcuni resoconti di esperienze di donne. Il nome delle donne è ovviamente anonimizzato.

Donne raccontano la loro esperienza con la Pillola Abortiva Mifepristone

Le donne reagiscono fisicamente in modo molto diverso alla pillola abortiva Mifegyne®. Alcune di loro percepiscono il dolore e le perdite dopo l’assunzione della pillola abortiva simili a quelle che hanno durante il ciclo mestruale:

"Ho assunto Mifegyne® l'altro ieri dal medico e ieri sera Cytotec®. Non è così grave come dicevano tutti. Per me il dolore è stato come quello delle normali mestruazioni. Anche le perdite ematiche non erano molto più abbondanti delle mie mestruazioni. Durano solo molto più a lungo e con più residui di tessuto. Credo che queste circostanze rendano l'intero processo più facile per me. Certo, mi sto ancora chiedendo se sia stata la decisione giusta, perché nonostante tutto non è stata una decisione facile".

Così scrive Marlena* alla sua consulente di Pro Femina e.V. Germania

Altre donne sperimentano effetti collaterali più forti o hanno dolori grossi:

“Ho avuto un Virus tutta la settimana. L’altro ieri sono andata a malincuore dal ginecologo e ho preso la prima pillola. Ieri ho avuto i seguenti effetti collaterali: forti tremori, febbre e vomito continuo. Alla sera ero così disperata che sono andata al pronto soccorso. Mi hanno messo per un’ora una flebo. Mi ha aiutato davvero un po'. La pillola di oggi l’ho tollerata bene e risesco a mangiare qualcosina. Quello che rimane sono i sensi di colpa e l’essere sola in queste circostanze.”

Così scrive Lisa alla sua consulente di Pro Femina e.V. Germania

Enya* racconta nel modo seguente la sua esperienza con l’aborto farmacologico nel nostro forum:

“Il 20 Marzo (57° giorno del ciclo) ho assunto una pillola di Mifegyne dal ginecologo. Subito dopo averla assunta non sentii nessun cambiamento fisico, ma psichicamente non mi sentivo bene, improvvisamente ero triste e senza energia...Dopo il 22 marzo (59° giorno del ciclo) assunsi per via vaginale in forma di ovuli (altre 4) il secondo farmaco anche questo dal ginecologo. Dopo di che sono dovetti rimanere lì per 3 ore circa. (...) Una mezz’ora dopo cominciai ad avere nausea e vomitai più volte. Un’ora e mezzo prima avevo già assunto 1.000 mg di Ibuprofene, nonostante ciò, avevo forti dolori."

  • Dopo aver vomitato mi sentivo meglio, ero distesa su un lettino in una stanza separata (...) Per un ora ho potuto sopportare bene quei dolori e dopo sono iniziati i veri dolori. Avevo nausea e i dolori diventavano più forti. Mi avevano detto che le perdite sarebbero cominciate 2 ore dopo, il tempo era ormai passato. I doloro successivi erano molto forti e con crampi che durarono circa 1 ora. I dolori più forti che abbia mai avuto nella mia vita, purtroppo non posso esprimermi in modo diverso. Passato questo tempo stavo meglio... Più tardi vomitai nuovamente più volte e passate 3 ore non avevo ancora perdite. Passate 4 ore ebbi una leggera perdita. I dolori in quel momento erano più leggeri. Così mi rilasciarono con consegnandomi altre 2 pillole. A casa, le perdite furono a volte più intense, a volte meno intense nel corso della giornata e dovetti vomitare anche altre 2 volte. Le perdite non erano ancora molto abbondanti e quindi assunsi la sera altre due compresse in forma di ovuli per via vaginale.

    Enya, 30.04.2023

A seconda della situazione nella quale si trova la donna incinta può anche essere la pressione esterna ad avere un influsso sull’esperienza emozionale con la pillola abortiva:

"L'insistenza del mio compagno mi ha messo talmente sotto pressione che non ho visto altra soluzione che assumere l'altro ieri la Pillola Abortiva Mifegyne®. Ieri me ne sono pentita profondamente. Questa mattina ho preso il MisoOne® e i resti del bambino erano addirittura visibili. Ora sono libera dalla pressione, ma ho fatto qualcosa di cui mi pento e che nessuno mi ridarà mai più".

Così scrive Susanna* alla sua consulente di Pro Femina e.V. Germania


Desideri leggere ulteriori esperienze?

Ti interessano le esperienze delle donne che hanno fatto un aborto volontario farmacologico? Nel nostro forum in lingua tedesca trovi diversi resoconti che puoi farti tradurre dal tuo browser.


Qui puoi trovare ulteriori Metodi e procedure di un’interruzione volontaria di gravidanza:


Ti chiedi se un aborto volontario (Ivg) possa avere per te delle conseguenze?

Sei ancora indecisa e desideri un accompagnamento personale/su misura per te?

Ogni donna vive in modo individuale - sia a livello fisico che psichico- un aborto volontario. Così sono anche le circostanze che inducono una donna a una tale decisione, sono uniche da donna a donna. Se tu stessa ti trovi davanti alla domanda e ti chiedi come può procedere il tuo percorso, hai probabilmente diverse questioni e preoccupazioni ti muovono dentro. Potrebbe essere che tu ti abbia ancora sentimenti ambivalenti e tu non sappia come procedere. Non devi rimanere da sola!

  • Nel nostro articolo Supporti concreti troverai degli indirizzi a cui puoi rivolgerti personalmente o in forma anonima.

  • Oppure desideri una consulenza digitale anonima, allora guarda in questo articolo tutte i nostri servizi gratuiti.

Se lo desideri, potresti anche iscriverti al nostro Supporto per decidere che dura 7 giorni. Riceverai impulsi e suggerimenti così come diversi racconti di altre donne per posta elettronica.

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

Autori e fonti

Autori

Yvonne Onusseit,
pedagogista

Traduzione:
Anna Spandri

Revisione

Team di psicologi

Fonti

Forum pubblico di Profemina
Consulenza Pro Femina e.V.
*Per motivi di riservatezza, sono stati resi anonimi i nomi e le testimonianze delle donne che si sono avvalse della consulenza.

Questo articolo ti è stato d’aiuto?